“Un romanzo in giro per il mondo” il caso de “Le stanze del tempo”

Home  /  News  /  “Un romanzo in giro per il mondo” il caso de “Le stanze del tempo”

“Un romanzo in giro per il mondo” il caso de “Le stanze del tempo”

marzo 31, 2017 ,,,,,,Commenti disabilitati su “Un romanzo in giro per il mondo” il caso de “Le stanze del tempo”

Ciao a tutti!

Sono di nuovo qui, ma oggi non parleremo di classifiche, vendite ed elenchi.

No, oggi voglio raccontarvi una storia, ma tranquilli!

È una storia di libri!
Questa storia è ambientata proprio qui, ma non “qui Italia”, no.

È ambientata in una zona ancora più ristretta.

La nostra storia inizia nelle Marche, precisamente a Jesi e parla di un libro, o meglio, di un romanzo.

“Libro” fa pensare fin troppo ad un oggetto, ma non preoccupatevi se adesso non capite ancora, lo capirete leggendo.
Forse qualcuno conosce già questo romanzo: si intitola “Le stanze del tempo” di Federica Bernardini

Dico che potreste già conoscerlo perché è stato pubblicato un po’ di tempo fa, proprio qui in Italia.

Fatto sta che dobbiamo già ampliare la nostra ambientazione.

Eh si, dobbiamo allontanarci piano piano dall’Italia fino ad arrivare negli Stati Uniti!

Ma procediamo con ordine.
Per la diffusione sul suolo americano il romanzo necessitava, ovviamente, di una traduzione.

Ma non una traduzione semplice, eh no!

Perché, chi lo ha letto lo sa, il libro contiene anche delle parti in dialetto tipico della Vallesina!
Quindi il nostro protagonista sarà un romanzo da tradurre; ma una storia non è davvero una storia senza qualche intoppo, ma tranquilli, abbiamo anche quelli.
La traduzione non è andata subito bene, infatti.

I primi due traduttori, ahi noi, non avevano fatto un buon lavoro.

Quando abbiamo trovato la giusta professionista che traducesse correttamente il romanzo, avevamo però di fronte la barriera linguistica che divide l’inglese dell’Inghilterra (lingua della traduzione della nuova collaboratrice) dall’inglese degli Stati Uniti…meta del nostro libro!

Abbiamo quindi trovato una “controllora” americana che ha adattato la traduzione all’inglese-americano, affinché fosse più affine al tipo di lettore a cui stiamo puntando.
Adesso, finalmente, la traduzione è in dirittura d’arrivo: già a maggio il libro verrà messo in commercio, sia online (su piattaforme come Amazon, Wattpad, Ncvrs, Unbound concepts, Kadaxis e Tapas media) che cartaceo, grazie ad un distributore americano molto importante che farà partire la distribuzione dal Kansas!
Ma perché vi sto raccontando questa storia?

Ve l’ho raccontata per dirvi quanto siamo felici noi, di una casa editrice locale, del nostro successo!

Siamo riusciti a diffondere un libro nel mondo!
E voi? Avete mai letto questo libro?

Lo leggerete?

Avete mai scritto qualcosa e desiderato di stamparlo e diffonderlo?

Contattateci per informazioni!
Ci sentiremo presto per darvi il link del libro e tante altre curiosità!
Ciao!

Sara.

Comments are closed.